Creazione di un'infrastruttura DevOps efficiente in termini di costi:
Scorri il caso di studio

Glimpse consente i processi DevOps e riduce i costi dell'infrastruttura del 70% con phoenixNAP'S Managed Private Cloud (MPC)

SFIDE

  • Impostazioni del reparto ITSM inefficienti
  • Cicli di rilascio lunghi (settimane o addirittura mesi)
  • Elevati tassi di errore di costruzione
  • Incapacità di codificare e innovare velocemente

SOLUZIONE

phoenixNAP'S Managed Private Cloud (MPC), un ambiente altamente personalizzato basato su VMware.

BENEFICI

  • Costi inferiori del 70% rispetto a un pubblico cloud soluzione
  • Riduzione dei tassi di errore di rilascio rispetto all'impostazione ITSM tradizionale
  • Errori intelligenti, veloci e sicuri utilizzando l'approccio DevOps
  • Frequenza delle distribuzioni migliorata grazie all'automazione
  • Tempo medio di recupero ridotto
  • Diminuzione del time-to-market

INTRODUZIONE

Glimpse è una piattaforma di abbonamento online che consente ai creatori di contenuti digitali di far crescere le loro attività in abbonamento. Con la possibilità di impostare sponsorizzazioni multilivello, portare contenuti, modificare i prezzi in movimento e accettare pagamenti e suggerimenti direttamente dai propri fan, i creatori possono generare flussi di entrate costanti. Il sistema di tokenizzazione garantisce entrate maggiori rispetto a molte altre piattaforme simili, rendendo Glimpse un'ottima scelta per lo sviluppo di un'attività basata su abbonamento online.

Dedicato a migliorare costantemente l'esperienza per i creatori di contenuti e i consumatori, Glimpse stava cercando di accelerare i cicli di rilascio garantendo al contempo build di distribuzione soggette a errori. La tradizionale configurazione ITSM con un'infrastruttura centralizzata e team di sviluppo e operazioni separati è stata ampiamente considerata inefficiente per il supporto di questi obiettivi. Per aumentare l'efficienza e garantire una migliore collaborazione, l'azienda ha deciso di implementare i principi e le tecnologie DevOps, che le hanno consentito di codificare e implementare nuove funzionalità più rapidamente.

"L'adozione dei principi DevOps ci ha permesso di collaborare in modo più efficiente e migliorare i risultati del nostro lavoro. Fornendoci risorse IT critiche, phoenixNAP'S Managed Private Cloud (MPC) ci aiuta a garantire uno sviluppo efficiente, produttivo ed efficiente in termini di costi ".

-Predrag Aleksić, Team Lead - System Engineer, Glimpse

Le sfide

In qualità di azienda in rapida crescita, Glimpse era alla ricerca di un modo per ottimizzare la propria infrastruttura IT e il flusso di sviluppo per garantire un'iterazione continua e cicli di rilascio accelerati. Riconoscendo le barriere delle impostazioni ITSM tradizionali, Glimpse ha deciso di adottare strumenti e principi DevOps per una migliore efficienza IT. Le sfide specifiche che l'azienda stava affrontando includono:

  • Impostazioni del reparto ITSM inefficienti
  • Cicli di rilascio lunghi (settimane, persino mesi)
  • Elevati tassi di errore di costruzione
  • Incapacità di codificare e innovare velocemente

L'adozione delle metodologie DevOps ha consentito a Glimpse di affrontare queste sfide. Come insieme di regole, principi e tecnologie, DevOps aiuta a semplificare le attività di sviluppo e operazioni. Fortemente incentrato sull'automazione, le pratiche DevOps si basano sull'uso di API, contenitori e infrastrutture come strumenti di codice per garantire distribuzioni più veloci e soggette a errori.

Principi DevOps:

  • Agilità dei team e delle infrastrutture
  • Automazione dei processi di test e distribuzione
  • Infrastruttura come gestione del codice
  • Integrazione continua / Distribuzione continua (CI / CD)

Per abilitare questi principi nelle proprie organizzazioni, Glimpse necessitava di un'infrastruttura IT in grado di supportare i propri strumenti e tecnologie DevOps. Stavano cercando una soluzione che potesse essere configurata e scalata facilmente, garantendo prestazioni eccellenti. La disponibilità di risorse IT di livello aziendale su un modello basato su opex era un altro requisito importante per il team, poiché cercava di garantire l'efficienza dei costi.

“Abbiamo ritenuto che l'infrastruttura tradizionale potesse limitarci nei nostri sforzi per implementare completamente DevOps. Avevamo bisogno di un alto livello di scalabilità perché non eravamo sicuri della velocità di sviluppo del prodotto e volevamo assicurarci di poter scalare facilmente in caso di picchi improvvisi della domanda ".

-Michael Burns, cofondatore, Glimpse

Soluzione

Nel tentativo di ridurre al minimo i colli di bottiglia nella gestione dell'infrastruttura e garantire la massima efficienza, Glimpse ha scelto phoenixNAP'S Managed Private Cloud (MPC). Come multi-tenant altamente personalizzabile cloud piattaforma, MPC ha consentito a Glimpse di creare un ambiente ottimizzato per le loro esigenze specifiche. Disponibile su un modello opex, MPC è conveniente e facile da scalare, il che ha fornito a Glimpse il livello desiderato di flexflessibilità. MPC è completamente gestito da phoenixNAPsono gli specialisti IaaS, che collaborano strettamente con il team di Glimpse per garantire che tutte le loro esigenze siano soddisfatte. phoenixNAPè globale data center network supporta ulteriormente gli obiettivi di Glimpse di offrire un'esperienza eccezionale alla sua comunità in rapida crescita di creatori di contenuti e consumatori in tutto il mondo.

Ragioni chiave per la scelta phoenixNAP:

  • phoenixNAPLa presenza globale di Glimpse ha reso lo stack di applicazioni Glimpse più resistente ai guasti.
  • Tempo di attività dell'infrastruttura e supporto da parte di phoenixNAP il team ha soddisfatto i requisiti di Glimpse.
  • I costi complessivi di MPC rispetto a un pubblico Cloud soluzione erano inferiori del 70%.

"phoenixNAPMPC è stata per noi una soluzione ideale sotto tutti i parametri. I nostri test hanno dimostrato che è in grado di fornire prestazioni di livello avanzato a un prezzo accessibile. Per la stessa somma di denaro che spenderemmo per il pubblico Cloud, potremmo ottenere VM più grandi e prestazioni migliori con phoenixNAP's MPC. Questa efficienza in termini di costi è stata una delle ragioni principali per cui abbiamo scelto la piattaforma ".

-Predrag Aleksić, Team Lead - System Engineer, Glimpse

Implementazione di strumenti e processi DevOps su MPC

L'alto livello di personalizzazione disponibile con MPC ha consentito a Glimpse di integrarlo facilmente con gli strumenti e le tecnologie DevOps. Un'officina completamente automatizzata è stata personalizzata per consentire di trasformare l'ambiente in infrastruttura come codice in breve tempo. Basato su VMware, MPC consente anche una facile integrazione con Kubernetes, che sono le fondamenta dell'ambiente di Glimpse.

Creazione di un ambiente container-first

L'infrastruttura principale di Glimpse si basa fortemente su VMware, nonché su strumenti e tecnologie open source come GNU / Linux, PVE e Kubernetes. Il suo team ha adottato una politica container-first per garantire distribuzioni rapide e maggiore portabilità delle applicazioni servers, e una maggiore efficienza complessiva quando si tratta di modifiche e aggiornamenti del codice. CloudSono stati inoltre implementati servizi basati su Kubernetes come Kube Prometheus Stack, Tiller ed EFK per semplificare la gestione e il monitoraggio dell'ambiente.

Infrastruttura come gestione del codice

Utilizzando Terraform, un popolare strumento di infrastruttura come codice, Glimpse ha facilitato la gestione di tutte le risorse IT critiche. Comunicando con VMware vCenter API in MPC, Terraform è una soluzione completa per la gestione di diversi aspetti dell'ambiente VMware come IP, risorse di elaborazione, reti e VM. L'integrazione tra Terraform e MPC è stata resa possibile attraverso un'efficiente collaborazione di Glimpse e phoenixNAP squadre.

Orchestrazione e gestione

Dopo la configurazione dell'ambiente, il team di Glimpse ha implementato Ansible per la gestione della configurazione. Utilizzando la sintassi YAML per esprimere i propri playbook, Ansible è uno strumento semplice ed efficiente per la realizzazione o il ridimensionamento del cluster Kubernetes. Glimpse utilizza Docker, ma ha in programma di passare a ContainerD, una replica leggera di Docker nel suo cluster Kubernetes, ma Ansible semplifica il passaggio tra le diverse opzioni in diversi comandi di codice. Prima di aggiungere nuovi nodi di calcolo ed eseguire gli aggiornamenti, Glimpse ha creato un ambiente demo per testare la configurazione. Tutte e tre le fasi - configurazione, aggiornamento e test - sono state automatizzate per semplificare le attività ripetitive.

Configurazione delle politiche di sicurezza e gestione delle chiavi

Tra i tre livelli di sicurezza per i cluster Kubernetes consigliati dal benchmark Center for Internet Security (CIS) - privilegiato, di base / predefinito e limitato - Glimpse ha implementato quello centrale (di base / predefinito). Le misure di sicurezza consigliate sono state automatizzate tramite Ansible, in cui sono stati aggiunti i file di configurazione necessari per esporre tutti gli elementi e garantire che lo stesso livello di sicurezza venga applicato per ogni nuovo cluster creato. Queste politiche di sicurezza sono state riviste anche in collaborazione con specialisti di sicurezza di phoenixNAP, che ha contribuito a garantire una corretta implementazione.

Per la gestione delle chiavi, Glimpse utilizza Hashicorp Vault, che archivia a livello di codice chiavi, token e segreti crittografici. Inoltre, Glimpse utilizza Consul per l'archiviazione distribuita di valori-chiave.

Abilitazione di CI / CD

Essendo uno dei pilastri della metodologia DevOps, la pipeline Continuous Integration / Continuous Delivery (CI / CD) è la chiave per garantire l'efficienza dello sviluppo. Per abilitarlo, Glimpse utilizza Jenkins, che aiuta i suoi 15 sviluppatori a collaborare in modo efficiente. Attraverso pipeline codificate in modo programmatico, Jenkin fa tutto, dal push iniziale di Git e la creazione di un'immagine Docker al trasferimento del codice alla produzione, che è un esempio di implementazione di successo dell'automazione per uno sviluppo più rapido.

“Abbiamo avuto una straordinaria collaborazione con il phoenixNAP quando abbiamo implementato MPC per la prima volta e questo è continuato negli ultimi anni da quando eravamo sulla piattaforma. Amiamo il potenziale di personalizzazione della soluzione, così come il fatto che phoenixNAP il team si preoccupa di certificati, avvisi, monitoraggio ecc. invece che di noi. Lo SLA era flexfacile e affidabile al 100%. "

-Michael Burns, cofondatore, Glimpse

Benefici

Il progetto flexLa capacità di MPC ha consentito a Glimpse di personalizzare la piattaforma in base alle proprie esigenze e consentire l'integrazione con vari strumenti DevOps. In quanto tale, ha fornito una base per il team di Glimpse per automatizzare diversi processi IT per una maggiore produttività ed efficienza. Ciò le ha permesso di accelerare la sua produzione e crescita, oltre a garantire flexcapacità di adattarsi a qualsiasi tendenza e esigenza emergente.

  • Maggiore efficienza in termini di costi rispetto a un pubblico cloud soluzione.
  • Maggiore efficienza di sviluppo grazie all'automazione di attività ripetitive.
  • Agilità migliorata grazie a cicli di rilascio accelerati.
  • Prestazioni costanti, poiché Glimpse ora ha host in esecuzione su MPC da oltre due anni.
  • Disponibilità globale tramite phoenixNAPè globale data center rete.
  • Collaborazione efficiente con phoenixNAPteam di implementazione e gestione dell'infrastruttura.

“Il nostro team si è adattato ai principi DevOps senza difficoltà. Per loro, lavorare in Glimpse è solo un IDE seduto sul desktop. Abbiamo estratto tutta l'infrastruttura pesante da loro mentre si concentrano solo sulla codifica. Questo non sarebbe possibile senza phoenixNAP infrastruttura che è al centro di tutte le nostre strategie ".

-Predrag Aleksić, Team Lead - System Engineer, Glimpse