Cos'è l'accesso root/privilegio root?

11 Marzo 2024

L'accesso root, spesso definito privilegio root, è il livello più alto di autorizzazioni di accesso concesse su un computer o sistema di rete. Garantisce agli utenti il ​​pieno controllo sul sistema, inclusa la possibilità di modificare qualsiasi file, eseguire tutti i programmi e modificare le funzionalità del sistema e le impostazioni di sicurezza. L'accesso root consente agli utenti di eseguire attività amministrative, installare o disinstallare software, gestire le autorizzazioni utente e proteggere il sistema vulnerabilità.

Accesso root in diversi sistemi operativi

L'accesso root ha la stessa funzione in tutti sistemi operativi, ovvero consentire al personale IT di svolgere attività avanzate all'interno del sistema o della rete aziendale. Tuttavia, il meccanismo per ottenere e gestire questo livello di accesso varia a seconda dei sistemi operativi.

Accesso root in Windows

Nei sistemi operativi Windows, l'accesso root è chiamato accesso o privilegi di "Amministratore". Gli utenti con accesso amministratore hanno il massimo livello di controllo sul sistema, inclusa l'installazione e la rimozione del software e la modifica delle impostazioni di sistema. Questo livello di accesso consente al personale IT di gestire la configurazione del computer, le impostazioni di sicurezza e le risorse di sistema. Consente inoltre loro di eseguire attività di manutenzione, applicare aggiornamenti di sistema e installare driver e software necessari.

L’accesso root comporta un potenziale maggiore di rischi per la sicurezza. Per mitigarli, Windows implementa una funzionalità di sicurezza chiamata Controllo dell'account utente (UAC) per impedire modifiche non autorizzate al sistema operativo richiedendo conferma o credenziali amministrative prima che le azioni a livello di sistema vengano approvate. Inoltre, Windows utilizza elenchi di controllo di accesso (ACL) per le autorizzazioni dei file, offrendo un approccio granulare e dettagliato alla gestione dei diritti di accesso per utenti e gruppi.

Accesso root in Linux

In Linux sistemi operativi, l'accesso root offre all'utente root (noto anche semplicemente come "root") accesso illimitato a file e comandi e controllo completo sulle installazioni del software, Gestione utenti, impostazioni di sistema e configurazioni di sicurezza. Questo livello di accesso consente un'ampia gamma di funzionalità, incluso l'aggiornamento del file Kernel, gestione delle impostazioni di rete e configurazione server applicazioni.

A causa del suo completo potere sul sistema, l'accesso root comporta significative implicazioni sulla sicurezza. Per prevenire danni al sistema, perdita di dati e rischi per la sicurezza, Distribuzioni Linux incoraggiare il principio del minimo privilegio. Questo approccio significa che gli utenti dovrebbero utilizzare account standard per le attività quotidiane e ricorrere al root solo quando necessario. Inoltre, strumenti come sudo (SuperUser DO) o su (Cambia utente) concede l'accesso temporaneo per eseguire attività amministrative senza rischiare modifiche a livello di sistema.

Accesso root in MacOS

In macOS, l'accesso root, noto anche come privilegi di "superutente", garantisce il massimo livello di controllo agli utenti. Un superutente può modificare file di sistema, installare e rimuovere software e implementare modifiche che incidono su tutti gli utenti del dispositivo. Poiché macOS è basato su fondamenta basate su Unix, l'accesso root condivide molte somiglianze con Linux, inclusa la capacità di eseguire attività amministrative e garantire uno stretto controllo di sicurezza sul sistema.

Per impostazione predefinita, l'accesso root in macOS è disabilitato e attivato solo quando necessario. Quando eseguono le attività necessarie, gli utenti in genere utilizzano il comando "sudo" all'interno del terminale, che consente loro di elevare temporaneamente i privilegi. Apple incorpora anche meccanismi di sicurezza, come System Integrity Protection (SIP), per limitare l’accesso root a determinate parti del sistema macOS, migliorando la sicurezza generale.

Accesso root su Android

In Android, l'accesso root è simile a quello di Unix e sistemi Linux. Consente agli utenti di ignorare le restrizioni a livello di sistema impostate dal sistema operativo o dal produttore del dispositivo. Questo livello di accesso consente agli utenti di modificare i file di sistema, rimuovere le applicazioni preinstallate e installare app che richiedono un controllo più approfondito del sistema per funzionalità avanzate, come la personalizzazione ROM o noccioli.

Il processo per ottenere l'accesso root su Android varia da dispositivo a dispositivo a causa delle differenze nelle configurazioni hardware e nelle misure di sicurezza. Tuttavia, l'utilizzo dell'accesso root in Android comporta in genere lo sfruttamento delle vulnerabilità inerenti al sistema operativo o bootloader, che invalida le garanzie ed espone potenzialmente il dispositivo a rischi per la sicurezza. Dopo aver effettuato il rooting del dispositivo, gli utenti devono prestare attenzione poiché ciò rimuove gli strati protettivi che salvaguardano il sistema operativo. Strumenti come SuperSU o Magisk vengono spesso utilizzati per gestire i permessi di root, poiché consentono agli utenti di concedere o negare l'accesso root a singole app.

Migliori pratiche per l'accesso root

Sia che si utilizzi un dispositivo personale o un sistema aziendale, seguire le migliori pratiche con l'accesso root è fondamentale per mantenere la sicurezza e la stabilità del sistema. Le migliori pratiche per l'accesso root includono:

  • Utilizzando sudo o strumenti simili invece di accedere direttamente come root. Ciò fornisce una traccia di controllo dei comandi riducendo al minimo il rischio di modifiche accidentali a livello di sistema.
  • Limitazione dell'accesso root concedendolo solo agli utenti che ne hanno assolutamente bisogno per compiti specifici. Per le normali attività quotidiane è meglio utilizzare account utente standard.
  • Implementazione di metodi di autenticazione forti, come unico password ed autenticazione a più fattori. Questi meccanismi aggiungono un ulteriore livello di sicurezza.
  • Rivedere regolarmente i diritti di accesso per modificare le autorizzazioni secondo necessità. Queste revisioni garantiranno che solo il personale autorizzato disponga dei privilegi di root.
  • Utilizzando il principio del privilegio minimo garantendo solo il livello di accesso minimo necessario agli utenti. Questo approccio limita i danni potenziali se un account viene compromesso.
  • Monitoraggio e registrazione dell'utilizzo tiene traccia di chi sta eseguendo i comandi e per quale scopo. Le revisioni regolari di questi registri aiutano a individuare tempestivamente violazioni della sicurezza o usi impropri.
  • Educare gli utenti sui rischi che vengono con la responsabilità di utilizzare i privilegi di root. La formazione sulle pratiche sicure aiuta a prevenire incidenti o attività dannose che compromettono un sistema.
  • Aggiornamento e patch regolari software, sistemi operativi e applicazioni per migliorare la sicurezza. Gli autori malintenzionati sfruttano le vulnerabilità del software per ottenere l'accesso root non autorizzato ai sistemi.
  • Backup dei dati importanti fornisce un'ancora di salvezza in caso di modifica o eliminazione accidentale di file importanti durante l'utilizzo dell'accesso root.

Anastasia
Spasojevic
Anastazija è una scrittrice di contenuti esperta con conoscenza e passione per cloud informatica, informatica e sicurezza online. A phoenixNAP, si concentra sulla risposta a domande scottanti su come garantire la robustezza e la sicurezza dei dati per tutti i partecipanti al panorama digitale.