Che cos'è uno switch di rete?

13 Giugno 2024

Gli switch di rete sono dispositivi di rete di computer essenziali che collegano più dispositivi all'interno di una rete locale (LAN). Gestiscono il traffico dati in modo efficiente commutando i pacchetti per ricevere, elaborare e inoltrare i dati al dispositivo di destinazione.

cos'è uno switch di rete

Che cos'è uno switch di rete?

A switch di rete è un dispositivo cruciale nelle reti di computer che serve a connettere più dispositivi all'interno di un file rete locale (LAN). Funziona al livello di collegamento dati (Livello 2) del modello OSI e, in alcuni casi, al livello di rete (Livello 3).

La funzione principale di uno switch di rete è l'utilizzo commutazione di pacchetto per ricevere, elaborare e inoltrare i dati al dispositivo di destinazione. A differenza di un hub, che trasmette i dati a tutti i dispositivi collegati, uno switch invia i dati solo al dispositivo specifico a cui è destinato, migliorando così in modo significativo l’efficienza e la sicurezza della rete. Gli interruttori mantengono a Indirizzo MAC tabella per tenere traccia dei dispositivi collegati a ciascuno porto, consentendo loro di indirizzare in modo intelligente il traffico verso la destinazione corretta. Questa comunicazione mirata riduce gli inutili trasmissione dati e riduce al minimo le possibilità di collisioni di dati.

Gli switch di rete possono essere non gestiti, fornendo connettività di base senza opzioni di configurazione, oppure gestiti, offrendo funzionalità avanzate come supporto VLAN, impostazioni QoS (Quality of Service) e funzionalità di gestione remota. Possono anche variare in termini di dimensioni e densità di porte, da piccole unità desktop con poche porte a grandi, cremaglieraSwitch aziendali montati con decine di porte, progettati per gestire elevati volumi di traffico in ambienti di rete complessi.

Tipi di switch di rete

Nel networking, vari tipi di switch soddisfano le diverse esigenze e complessità all'interno di una rete. Comprendere le distinzioni tra switch non gestiti, gestiti, intelligenti e Layer 3 è fondamentale per selezionare la soluzione che fornirà prestazioni di rete, sicurezza e gestibilità ottimali.

Unmanaged Switches

Gli switch non gestiti sono dispositivi plug-and-play di base che non richiedono configurazione, il che li rende ideali per piccole reti domestiche o aziendali. Forniscono una semplice connettività di rete, consentendo ai dispositivi di comunicare tra loro in modo efficiente.

Questi switch in genere hanno una serie fissa di funzionalità, incentrate sulla facilità d'uso e sul rapporto costo-efficacia. Sebbene manchino di funzionalità avanzate come VLAN o Quality of Service (QoS) impostazioni, sono soluzioni affidabili e semplici per gli utenti che non necessitano di una gestione di rete complessa.

Managed Switches

Gli switch gestiti offrono un livello più elevato di controllo e personalizzazione, adatto a reti più complesse e più grandi. Questi interruttori consentono agli amministratori di rete di configurare, gestire e monitorare le impostazioni di rete attraverso varie interfacce come interfacce della riga di comando (CLI), basato sul web GUIo SNMP.

Gli switch gestiti supportano funzionalità avanzate come VLAN, QoS, mirroring delle porte e aggregazione dei collegamenti, consentendo prestazioni ottimizzate, maggiore sicurezza e gestione efficiente del traffico. Sono essenziali per gli ambienti aziendali in cui la stabilità e le prestazioni della rete sono fondamentali.

Switch intelligenti

Gli switch intelligenti, noti anche come switch intelligenti o gestiti dal Web, raggiungono un equilibrio tra switch non gestiti e completamente gestiti. Offrono funzionalità di gestione limitate accessibili tramite un'interfaccia basata sul Web, rendendoli adatti alle piccole e medie imprese.

Sebbene forniscano alcune funzionalità avanzate come VLAN e QoS, sono più facili da configurare e gestire rispetto agli switch completamente gestiti. Gli switch intelligenti sono soluzioni convenienti per reti che richiedono un certo livello di controllo e ottimizzazione senza la complessità delle funzionalità di gestione complete.

Interruttori di livello 3

Gli switch Layer 3 combinano le funzionalità dei tradizionali switch Layer 2 con alcune funzionalità di routing tipicamente presenti nei router. Questi switch possono prendere decisioni di routing basate su Gli indirizzi IP, consentendo loro di gestire in modo efficiente il traffico tra diverse VLAN e sottoreti all'interno di una rete.

Gli switch Layer 3 sono ideali per reti grandi e complesse che devono gestire volumi elevati di traffico inter-VLAN con una velocità ridotta latenza e prestazioni migliorate. Offrono funzionalità avanzate come protocolli di routing, misure di sicurezza avanzate e una migliore gestione del traffico, rendendoli una scelta versatile per le reti di livello aziendale.

Quali sono i vantaggi dell'utilizzo di uno switch di rete?

Gli switch di rete offrono numerosi vantaggi che migliorano l'efficienza, la sicurezza e la scalabilità delle reti locali (LAN). Di seguito sono riportati alcuni vantaggi chiave.

Prestazioni di rete migliorate

Gli switch di rete migliorano significativamente le prestazioni gestendo in modo efficiente il traffico dati. Inoltrando i dati solo al dispositivo specifico a cui sono destinati, gli switch riducono le collisioni e la congestione, garantendo un trasferimento dati fluido e veloce. Questa comunicazione mirata ottimizza larghezza di banda utilizzo, consentendo una maggiore velocità di trasmissione della rete.

Sicurezza avanzata

Gli switch contribuiscono alla sicurezza della rete separando il traffico dati. A differenza degli hub che trasmettono dati a tutti i dispositivi, gli switch inviano i dati solo al destinatario previsto, riducendo il rischio di intercettazione dei dati. Gli switch gestiti offrono funzionalità di sicurezza aggiuntive come VLAN, sicurezza delle porte e elenchi di controllo degli accessi (ACL), che aiutano a proteggere la rete da accessi e potenziali non autorizzati minacce.

Scalabilità

Gli switch di rete forniscono scalabilità supportando più dispositivi all'interno di una rete e facilitando una facile espansione. Man mano che la rete cresce, è possibile integrare switch aggiuntivi per connettere più dispositivi senza ridurre le prestazioni. Gli switch gestiti supportano ulteriormente la scalabilità della rete con funzionalità come l'aggregazione dei collegamenti e lo stacking, che consentono a più switch di funzionare come una singola unità.

Gestione efficiente della rete

Gli switch gestiti offrono funzionalità di gestione complete che consentono agli amministratori di rete di monitorare e controllare il traffico di rete in modo efficace. Funzionalità come QoS, mirroring delle porte e supporto SNMP consentono la regolazione fine delle prestazioni della rete, la definizione delle priorità del traffico critico e la manutenzione proattiva della rete.

Efficacia dei costi

Anche se l’investimento iniziale negli switch, soprattutto quelli gestiti, potrebbe essere maggiore rispetto agli hub o ai dispositivi di rete di base, i risparmi sui costi a lungo termine sono sostanziali. Prestazioni migliorate, ridotte i tempi di inattività, una maggiore sicurezza e una gestione efficiente contribuiscono a ridurre i costi operativi e una maggiore produttività, rendendo gli switch una scelta conveniente per l'infrastruttura di rete.

Come configurare uno switch di rete?

La configurazione di uno switch di rete prevede alcuni semplici passaggi per garantire che si integri perfettamente nella rete locale (LAN). Ecco una guida passo passo:

  1. Scegli l'interruttore giusto. Seleziona uno switch che soddisfi i requisiti della tua rete in termini di numero di porte, funzionalità gestite o non gestite e funzionalità specifiche come supporto VLAN o PoE (Power over Ethernet).
  2. Determina il posizionamento. Decidere una posizione appropriata per l'interruttore. Dovrebbe essere posizionato centralmente per ridurre al minimo la lunghezza dei cavi, avere un'adeguata ventilazione ed essere facilmente accessibile per la manutenzione. Per configurazioni più grandi, prendere in considerazione il montaggio su rack dello switch.
  3. Connetti i dispositivi. Utilizzare cavi Ethernet per collegare i dispositivi di rete (computer, stampanti, servers, ecc.) alle porte dello switch. Per prestazioni ottimali, utilizzare cavi di alta qualità (Cat5e, Cat6 o superiori).
  4. Connettiti alla rete. Collega lo switch alla tua rete collegandolo al router o a un altro switch utilizzando un cavo Ethernet. Se lo switch dispone di una porta uplink, utilizzarla per questa connessione. Altrimenti, in genere è possibile utilizzare qualsiasi porta per questo scopo.
  5. Configurare lo switch (per switch gestiti). Se stai configurando uno switch gestito, accedi alla sua interfaccia di gestione. Questo di solito può essere fatto attraverso a browser web inserendo l'indirizzo IP predefinito dello switch o tramite una connessione alla console se non è disponibile un'interfaccia web.
  6. Testare le connessioni. Verificare che tutti i dispositivi collegati possano comunicare tra loro e accedere alla rete. Verificare la presenza di spie di collegamento sulle porte dello switch per garantire che ciascuna connessione sia attiva.
  7. Monitorare e mantenere. Monitora regolarmente le prestazioni dello switch e accedi all'interfaccia di gestione per verificare eventuali avvisi o attività insolite. Tieni l'interruttore firmware aggiornato per garantire che abbia le funzionalità più recenti e patch di sicurezza.

Qual è la differenza tra uno switch di rete e un router?

Uno switch di rete opera al livello di collegamento dati (Livello 2) del modello OSI ed è responsabile della connessione di più dispositivi all'interno di una rete locale (LAN), utilizzando gli indirizzi MAC per inoltrare i pacchetti di dati al dispositivo corretto.

Al contrario, a router opera a livello di rete (Livello 3) ed è progettato per connettere reti diverse, ad esempio connettere una rete domestica a Internet. I router utilizzano gli indirizzi IP per instradare i dati tra queste reti, indirizzando il traffico in base al percorso migliore per i pacchetti di dati.

Mentre gli switch gestiscono la comunicazione all'interno di una singola rete, i router facilitano la comunicazione tra più reti, spesso fornendo funzionalità aggiuntive come Network Address Translation (NAT), firewall e DHCP servizi.

È possibile utilizzare uno switch come router?

Sebbene uno switch di rete e un router svolgano funzioni diverse, alcuni switch avanzati, in particolare gli switch di livello 3, possono gestire determinate attività di routing. Questi switch possono eseguire il routing inter-VLAN, indirizzando il traffico tra diverse VLAN all'interno della stessa rete, che è una funzione tipicamente gestita dai router. Tuttavia, gli switch Layer 3 sono ottimizzati principalmente per il traffico LAN ad alta velocità e potrebbero non disporre di alcune delle funzionalità di routing avanzate presenti nei router dedicati, come Network Address Translation (NAT), funzionalità firewall avanzate e WAN connettività.

Un router tradizionale è ancora necessario per la maggior parte delle reti domestiche e di piccole imprese per connettere la rete locale a Internet e gestire il traffico esterno. Pertanto, sebbene uno switch Layer 3 possa eseguire alcune funzioni di routing all'interno di una rete, non può sostituire completamente un router per tutte le esigenze di rete, in particolare per la connettività Internet e la gestione completa del traffico.

Domande frequenti sul cambio di rete

Ecco le risposte alle domande più importanti che gli utenti hanno sugli switch di rete.

Uno switch ha un indirizzo IP?

Uno switch di rete in genere non ha un indirizzo IP a meno che non sia uno switch gestito. Gli switch non gestiti operano al livello di collegamento dati (Livello 2) e non necessitano di un indirizzo IP perché non richiedono alcuna configurazione o gestione: inoltrano semplicemente i dati in base agli indirizzi MAC.

Gli switch gestiti, che offrono funzionalità avanzate e opzioni di configurazione, dispongono di un indirizzo IP per scopi di gestione. Questo indirizzo IP consente agli amministratori di rete di accedere all'interfaccia di gestione dello switch, solitamente tramite un browser Web o un'interfaccia della riga di comando, per configurare le impostazioni, monitorare le prestazioni e gestire il traffico di rete. L'indirizzo IP di uno switch gestito serve esclusivamente per l'accesso amministrativo e non influisce sulla sua funzione primaria di inoltro dei dati all'interno della rete.

Gli switch rallentano Internet?

Gli switch non rallentano di per sé Internet; piuttosto, migliorano le prestazioni complessive di una rete locale gestendo in modo efficiente il traffico dati. Gli switch funzionano inoltrando i pacchetti di dati solo al dispositivo destinatario previsto, riducendo il traffico e le collisioni non necessari, il che può migliorare la velocità e l'affidabilità della rete. Tuttavia, se uno switch è sovraccarico di traffico superiore a quello che può gestire, o se si tratta di un modello di qualità inferiore o obsoleto, potrebbe introdurre alcuni latenza. Inoltre, una configurazione di rete errata o una congestione della rete possono rallentare le prestazioni. Pertanto, sebbene gli switch stessi non rallentino Internet, le condizioni della rete e hardware le limitazioni possono influire sulla velocità complessiva della rete.

Quanto durano gli switch di rete?

La durata degli switch di rete varia ampiamente in base a fattori quali qualità costruttiva, ambiente di utilizzo e progressi tecnologici. In media, gli switch di rete sono progettati per durare dai 5 ai 10 anni. Se utilizzati in ambienti stabili e controllati, gli switch di alta qualità di produttori rinomati spesso superano questo intervallo, fornendo un servizio affidabile per oltre un decennio. Tuttavia, i rapidi progressi tecnologici e l’evoluzione delle richieste di rete possono rendere obsoleti gli switch più vecchi prima che si logorino fisicamente, spingendo ad aggiornamenti a modelli più recenti che offrono prestazioni migliori, funzionalità di sicurezza avanzate e supporto per gli standard di rete più recenti. La manutenzione regolare, gli aggiornamenti del firmware e la garanzia di adeguate condizioni di ventilazione e alimentazione possono aiutare a massimizzare la durata di uno switch di rete.

Gli switch di rete sono sicuri?

Gli switch di rete sono generalmente considerati sicuri e svolgono un ruolo cruciale nel mantenere la sicurezza di una rete locale. Indirizzando i dati solo al destinatario previsto, gli switch riducono intrinsecamente il rischio di intercettazione dei dati e di collisioni che sono più comuni con gli hub. Gli switch gestiti migliorano ulteriormente la sicurezza con funzionalità come VLAN, sicurezza delle porte, elenchi di controllo degli accessi e monitoraggio della rete capacità. Queste funzionalità consentono agli amministratori di segmentare il traffico, controllare l'accesso e rilevare attività sospette. Tuttavia, come qualsiasi dispositivo di rete, gli switch devono essere configurati e mantenuti correttamente, compresi aggiornamenti regolari del firmware e pratiche di gestione sicure, per proteggerli dalle vulnerabilità e dall'accesso non autorizzato.


Anastasia
Spasojevic
Anastazija è una scrittrice di contenuti esperta con conoscenza e passione per cloud informatica, informatica e sicurezza online. A phoenixNAP, si concentra sulla risposta a domande scottanti su come garantire la robustezza e la sicurezza dei dati per tutti i partecipanti al panorama digitale.