Che cos'è FDDI (Fiber Distributed Data Interface)?

26 Marzo 2024

Fiber Distributed Data Interface (FDDI) è un insieme di standard ANSI e ISO per la trasmissione di dati su linee in fibra ottica in un rete locale (LAN) estendendosi fino a 200 chilometri. La tecnologia, caratterizzata dal suo alto larghezza di banda e affidabilità, è stato utilizzato principalmente alla fine degli anni '1980 e '1990 per connettere le LAN e come dorsale per reti geografiche (WAN).

FDDI utilizza un'architettura a doppio anello, che fornisce una forma di ridondanza e garantisce che la rete sia altamente disponibile. Se uno squillo fallisce, il sistema passa automaticamente all'anello secondario, mantenendo così il funzionamento della rete senza interruzioni. Ogni anello supporta una velocità di trasmissione dati di 100 Mbps (megabit al secondo), decisamente più veloce delle alternative allora disponibili. FDDI supportava sia il passaggio di token per l'integrità dei dati sia un supporto in fibra ottica, meno suscettibile alle interferenze elettromagnetiche, fornendo un metodo affidabile e sicuro di trasmissione dei dati rispetto alle tecnologie basate su fili di rame.

Progettazione di interfacce dati distribuite in fibra

Il design FDDI (Fibre Distributed Data Interface) è incentrato su una topologia di rete ad alta velocità che utilizza la fibra ottica come mezzo per la trasmissione dei dati. Gli elementi chiave del design di FDDI includono la struttura fisica e logica, il metodo di trasmissione dei dati e i componenti di rete.

Topologia a doppio anello

FDDI si basa su una topologia a doppio anello composta da due anelli di cavi in ​​fibra ottica indipendenti: l'anello primario e quello secondario. I dati generalmente fluiscono in una direzione su ciascun anello, che trasporta il traffico indipendentemente dall'altro anello. Questo design fornisce ridondanza intrinseca e migliora l'affidabilità e la tolleranza ai guasti della rete. Se l'anello primario si guasta o viene interrotto, il sistema può passare automaticamente all'anello secondario, garantendo il funzionamento continuo.

Protocollo di passaggio di token

FDDI utilizza un protocollo di passaggio di token per controllare l'accesso al mezzo di rete. Un dispositivo deve possedere il token per trasmettere i dati. Questo metodo garantisce che un solo dispositivo alla volta trasmetta, prevenendo collisioni e massimizzando l'efficienza della trasmissione dei dati. Una volta che un dispositivo acquisisce il token e invia i propri dati, li passa al dispositivo successivo nell'anello, consentendogli di trasmettere.

Larghezza di banda 100Mbps

La rete supporta velocità di trasmissione dati fino a 100 Mbps (megabit al secondo). Questa capacità ad alta velocità, combinata con l'affidabilità dei cavi in ​​fibra ottica, ha reso FDDI ideale per fungere da spina dorsale di reti di grandi dimensioni che richiedono un trasferimento dati veloce e affidabile.

Mezzo in fibra ottica

FDDI utilizza la fibra ottica come mezzo di trasmissione, che offre numerosi vantaggi rispetto ai tradizionali fili di rame, tra cui una maggiore capacità di larghezza di banda, una maggiore resistenza alle interferenze elettromagnetiche e la capacità di coprire distanze maggiori senza degrado del segnale. La lunghezza massima tipica di una singola rete FDDI è di 200 chilometri, con un massimo di 1,000 dispositivi collegati.

Componenti di rete

La rete FDDI è costituita da diversi componenti chiave, tra cui:

  • FDDI NIC (scheda di interfaccia di rete). Collega un computer o altri dispositivi alla rete FDDI.
  • Concentratori. Funzionano come hub, consentendo a più dispositivi di connettersi all'anello FDDI.
  • Cavi e connettori in fibra ottica. Utilizzato per costruire fisicamente la rete e connettere i dispositivi.

Standard e specifiche

FDDI è stato standardizzato dall'American National Standards Institute (ANSI) ed è conforme alla specifica ISO 9314. Comprende diversi documenti che definiscono i protocolli del livello fisico e logico, incluso il livello Media Access Control (MAC) responsabile del meccanismo di passaggio dei token e il Physical Layer Protocol (PHY), che definisce l'interfaccia elettrica e procedurale al mezzo di trasmissione.

Storia dell'interfaccia dati distribuita in fibra

La Fiber Distributed Data Interface è emersa come standard per il trasferimento dati ad alta velocità alla fine degli anni '1980 e all'inizio degli anni '1990. L'American National Standards Institute (ANSI) ha avviato lo sviluppo di FDDI per rispondere alla necessità di uno standard di rete a larghezza di banda elevata in grado di supportare applicazioni ad alta intensità di dati e l'interconnessione di più LAN su distanze maggiori.

FDDI è stato standardizzato dall'ANSI sotto il comitato X3T9.5 nel 1987. È stato pubblicato il primo standard FDDI, incentrato su architetture di rete in grado di supportare velocità di trasmissione di 100 Mbps, che era significativamente superiore ai 10 Mbps offerti da Ethernet all'epoca.

Durante gli anni '1990, FDDI è stato adottato su larga scala come spina dorsale di molte reti aziendali, accademiche e governative, dove un throughput elevato e l'affidabilità della rete erano fondamentali. La sua capacità di connettere LAN disparate su distanze maggiori senza un significativo degrado del segnale lo ha reso una scelta popolare per ambienti di rete su larga scala.

L’avvento di tecnologie più veloci ed economiche, come Gigabit Ethernet, alla fine degli anni ’1990 e all’inizio degli anni 2000, ha iniziato a sostituire l’FDDI. Queste tecnologie più recenti offrivano prestazioni paragonabili o superiori a un costo inferiore e con un'implementazione e una manutenzione più semplici.

Nonostante il suo declino, l’impatto dell’FDDI sugli standard di rete e sullo sviluppo di tecnologie di rete ad alta velocità rimane significativo. Ha contribuito a spianare la strada all’adozione della fibra ottica nelle dorsali di rete e a porre le basi per le reti ad alta velocità e ad alta capacità prevalenti oggi.

Casi d'uso dell'interfaccia dati distribuiti in fibra

Fiber Distributed Data Interface (FDDI) veniva utilizzata principalmente in ambienti che richiedevano larghezza di banda elevata, affidabilità e supporto per le comunicazioni a lunga distanza. Ecco alcuni casi d'uso chiave per FDDI.

1. Reti aziendali e di campus

Grandi aziende e campus universitari con una vasta presenza geografica hanno utilizzato FDDI per interconnettere vari edifici o strutture. L'elevata larghezza di banda e l'affidabilità di FDDI hanno supportato le diverse esigenze di questi ambienti ad alta intensità di dati, tra cui la condivisione di file, l'accesso a Internet ad alta velocità e l'interconnessione di reti locali (LAN).

2. Data Center Connettività

Data centers alloggio serverI dispositivi di archiviazione e di archiviazione per applicazioni aziendali su larga scala richiedono reti in grado di gestire un traffico di dati significativo con una latenza minima. FDDI è stato utilizzato all'interno e in mezzo data centerAiuta a garantire un accesso rapido e affidabile a dati e applicazioni critici. La velocità di 100 Mbps e il mezzo in fibra ottica offerti da FDDI erano adatti alle esigenze di throughput elevato e affidabilità di data center ambienti, supportando una replica efficiente dei dati, backupe processi di recupero.

3. Reti metropolitane (MAN)

FDDI è stato implementato anche nelle reti metropolitane, collegando varie LAN in una città o regione metropolitana. Questo caso d'uso era particolarmente rilevante per le istituzioni governative, le strutture educative e le aziende che richiedevano connettività ad alta velocità su distanze maggiori rispetto a quelle normalmente coperte da una LAN. La fibra ottica utilizzata in FDDI ha consentito la comunicazione a lunga distanza senza un significativo degrado del segnale, rendendola ideale per creare reti interconnesse in un'area metropolitana. La sua elevata larghezza di banda ha facilitato il trasferimento di grandi quantità di dati e contenuti multimediali.

4. Backup e ripristino di emergenza

Le organizzazioni hanno utilizzato FDDI per backup e ripristino di emergenza scopi, sfruttando la sua elevata larghezza di banda per trasferire grandi volumi di dati in posizioni di archiviazione fuori sede. Questa applicazione era fondamentale per mantenere l'integrità dei dati e la continuità aziendale durante guasti del sistema o altre interruzioni. L'affidabilità e la tolleranza agli errori di FDDI, insieme alla sua capacità di trasmissione dati ad alta velocità, lo hanno reso adatto all'implementazione completa backup strategie e minimizzando i tempi di inattività durante le operazioni di ripristino.

5. Cluster di calcolo ad alte prestazioni (HPC).

Istituti di ricerca e imprese in funzione calcolo ad alte prestazioni i cluster per simulazioni, analisi dei dati e altre attività ad alta intensità di calcolo si affidavano a FDDI per interconnettere i nodi del cluster. Lo scambio di dati ad alta velocità tra i nodi era essenziale per un'elaborazione parallela efficiente. La larghezza di banda e la bassa latenza di FDDI hanno facilitato il rapido scambio di informazioni tra i nodi del cluster, migliorando le prestazioni complessive delle applicazioni HPC e consentendo di eseguire calcoli complessi in modo più efficiente.


Anastasia
Spasojevic
Anastazija è una scrittrice di contenuti esperta con conoscenza e passione per cloud informatica, informatica e sicurezza online. A phoenixNAP, si concentra sulla risposta a domande scottanti su come garantire la robustezza e la sicurezza dei dati per tutti i partecipanti al panorama digitale.